New funding saves Arctic research lab

The Polar Environment Atmospheric Research Laboratory on Ellesmere Island in Nunavut, Canada is receiving the equivalent of about €760,000 a year for five years to continue its operations. The announcement comes a year after funding to the site ran out and full-time monitoring of air quality, ozone depletion and climate change came to an end.

“Without this new funding, we’d pretty much have come to the end of what we could do and by now we would be pulling the instruments down,” says James Drummond, principal investigator at the research centre, which is affectionately known as PEARL.

The site has been gathering data on Arctic atmospheric conditions to some degree since 1992 when it was set up by a branch of Environment Canada to take ozone measurements. In 2005, the research centre was taken over by the Canadian Network for Detection of Atmospheric Change, which pumped the equivalent of €1.1 million a year into the lab to keep it running. But this ground to a halt in 2012 when federal funding to the agency ran out.

“Everybody was very disappointed,” Drummond says. “PEARL is a unique site and the measurements we make are rare in the Arctic.”

Among these measurements were those taken in 2011 when PEARL found itself directly underneath the largest ozone depletion event ever detected in the northern hemisphere. The data collected were used by researchers around the world to study the incident.

Drummond says the event demonstrated the importance of continuous monitoring in remote places because by the time natural phenomena like that are detected, it takes too long to reach them and get set up to collect useful data – unless someone is already there.

“In essence, we’re like a cat waiting outside a mouse hole waiting for something to happen,” Drummond says.

Despite a lack of substantial funding, researchers have been monitoring Arctic atmospheric conditions to some extent over the past 12 months because of support from non-governmental organizations, including the Canadian Climate Forum. This has allowed the site to remain open and for data to be collected with automated instruments.

And now, thanks to the funding influx, activity is ramping back up. Drummond says his team is busy preparing to return to the site to repair damaged equipment and resume measurements that can’t be done by machines alone.

It’s thrilling news for many researchers, including Dan Weaver, a PhD candidate at University of Toronto in Canada who completed much of his graduate research at PEARL. Following the funding loss to the site last year, Weaver created a series of “Save PEARL” social media profiles to raise awareness of the important research happening at the facility.

“There is no substitute for being able to travel to the high Arctic to conduct field work,” he says. “Computer simulations aren’t enough. Satellite measurements aren’t enough. We need a permanent scientific presence in the North if we want to understand the changing Arctic and fulfill our responsibilities as an Arctic nation.”

But unfortunately for researchers like Weaver, the new funding does not mean a return to old times.

The money, which comes from Canada’s new Climate Change and Atmospheric Research initiative, is not enough to keep full-time staff at the site as was done previously. It’s a start though and Drummond says it will allow researchers to travel up to the site throughout the year to do maintenance and work on specific projects.

He says his team hopes to make PEARL fully operational by October so researchers are able to take measurements during the polar night, which remains an under-researched period of time. (Barents Observer)

La prima volta italiana del passaggio a Nord Ovest

Nessuna barca italiana era ancora riuscita nel tentativo. Best Explorer ce l’ha fatta, ha percorso il passaggio a Nord Ovest, la ‘rotta più difficile del mare’, che collega l’Atlantico al Pacifico passando a nord del continente Americano, tra i ghiacci dell’Oceano Artico. Il primo ad affrontarla fu il norvegese Roald Amundsen dal 1903 al 1906.

Attraverso immagini e video inediti, dialoghi e avvincenti letture dal diario di bordo, i componenti della Arctic Sail Expeditions Italia, alla loro prima uscita pubblica nazionale, hanno rievocato oggi, in occasione del festival ‘‘Viaggiando il mondo” in corso a Genova, le emozioni di quell’impresa compiuta l’estate scorsa: 140 giorni di navigazione attraverso tre oceani, 8.181 miglia in totale di cui 5.000 oltre il circolo polare e 2.500 fra i ghiacci, 21 membri di equipaggio suddivisi in otto tappe. Ad accompagnare le immagini, i brani composti appositamente dall’Extemporaneo Trio, una nuova formazione jazz.

La spedizione, guidata da Nanni Acquarone, torinese di origine ligure, è partita il 1 giugno 2012 da Troms›, al nord della Norvegia, per arrivare a Sand Poit (Popof Island Aleutine Usa). Ha toccato l’Islanda, risalendo la costa occidentale della Groenlandia, inoltrandosi poi nel labirinto dell’arcipelago del Nunavut, a nord del Canada, proseguendo lungo la bassa costa dell’Alaska. Per l’impresa velica eccezionale e per le attività di interscambio culturale effettuate lungo la rotta l’equipaggio ha ricevuto un telegramma di apprezzamento del Presidente della Repubblica.

Ma oggi l’equipaggio ha voluto anche rendere omaggio alla propria barca, che dal Mediterraneo, dove con il nome di ‘Bestiaccia’ veniva utilizzata per il Whale watching, è finita in un’impresa nell’Artico. ”Best explorer, lo dice la parola stessa, non è nata per lo struscio a Cala Volpe” dice Nicoletta Martini, Romagnola di Cesenatico, classe 1958, ingegnere chimico, navigatrice esperta e anche ottima cuoca di bordo. Lunga 15 metri e con uno scafo in acciaio fatto per le lunghe navigazioni e l’incontro con i ghiacci, Best Explorer è diventata una ‘vecchia signora del Nord’ : ”non si muove come un cigno, non si può dire che abbia l’eleganza leggera di un uccello ma quando incontra il ghiaccio scalpita come una puledra da corsa e si infila decisa”.

Tanti i momenti di tensione: dalla ricerca di un varco fra i ghiacci alla tempesta durata sette giorni, ma anche le sorprese: ”Sono lì a poche miglia da noi – ricorda Salvatore Magri -. Due isolette che si fronteggiano al centro dello Stretto di Bering: la Big Diomede e la Little Diomede, russa la prima, americana la seconda. Tra di loro un canale largo solo un miglio ma così distanti nella realtà. Due date diverse alla stessa ora passi da una all’altra e vai dall’oggi al domani. Qui l’Alaska è il nostro Oriente e la Siberia il nostro occidente. Un mondo rovesciato: ovest e non più ovest”. (Ansa)

EU court upholds three-year-old ban on seal product imports

Canada’s embattled sealing industry was dealt another blow Thursday when a European Union court upheld the EU’s three-year-old ban on seal products. The General Court of the European Union issued a statement saying it rejected a challenge from a group that includes the Canadian Fur Institute, the seal processing industry and one of Canada’s largest Inuit groups.

The Luxembourg-based court said the existing ban is valid because it fairly harmonizes the EU market while protecting the economic and social interests of Inuit communities.Even though the Inuit have an exemption that allows them to sell seal products in Europe, the Inuit Tapiriit Kanatami wants the ban struck down because the group believes its markets will dry up if a wider ban remains in place.

Terry Audla, president of the national Inuit organization, issued a statement saying the ruling does little to protect the Inuit. “We Inuit have been telling the EU all along that the ban is not good for us,” Audla said. “But their colonial, holier-than-thou attitude toward us and their self-serving interests have not resulted in a fair or just process for Inuit.”

The Nunavut government issued a statement saying prices for sealskins have collapsed since the EU ban was introduced, despite the Inuit exemption. It’s the second time the group has lost a challenge before the European court. The first judgment is the subject of an appeal and the industry has 60 days to launch a second appeal.

Federal Fisheries Minister Keith Ashfield declined a request for an interview Thursday, but his office issued a statement saying Ottawa will defend the “traditional, sustainable and humane northern harvest.”

“The Conservative government and party are the only party standing up for hunters, as we understand the way of life in remote coastal communities where sealing is a means of survival,” the statement said.

The ban has hurt Canada’s 300-year-old commercial sealing industry, which landed 38,000 harp seals in 2011, less than 10 per cent of the total allowable catch. But the hunt endures. More than 70,000 seals were slaughtered in 2012 and another 76,000 have been killed so far this season after $5 million in industry loans from the Newfoundland and Labrador government. (CTV News)

Stanziamenti in Artico nella legge finanziaria canadese

Jim Flaherty e Stephen Harper alla presentazione del budget

Il Governo Federale del Canada ha annunciato lo stanziamento di oltre 2 milioni di dollari per l’edilizia civile nel Territorio del Nunavut. Il piano è stato annunciato nell’ambito della presentazione della legge finanziaria 2013-14, presentata dal Ministro delle Finanze Jim Flaherty ieri pomeriggio nel Parlamento del Canada.

Saranno utilizzati per la realizzazione di circa 250 unità abitative. Con questo piano si dà rilancio alle sfide edilizie in questo territorio, nel tentativo di aumentare la popolazione su questo vasto territorio artico.

Flahertu ha anche annunciato lo stanziamento di un miliardo di dollari per la manutenzione e il miglioramento delle darsene lungo tutto il Canada, e ulteriori fondi per accellerare la realizzazione del porto di Pangnirtung, sempre nel Nunavut.

116 milioni di dollari andranno per supportare l’industria navale di Nanisivik, basilare per la flotta canadese sia artica che off-shore.

6 milioni di dollari andranno alla formazione per le attività minerarie e alla formazione professionale per gli indigeni nei Territori del Nord-Ovest e nella regione del Kitikmeot nel Nunavut.

Come già annunciato in passato, 77 milioni di dollari saranno destinati al nuovo terminal aeroportuale di Iqaluit. (CBC)

Devolution per i Territori del Nord-Ovest

Devolution più vicina per i Territori del Nord-Ovest. Lo ha annunciato ieri Stephen Harper durante un suo intervento a Yellowknife, sottolineando come nel negoziato tra i rappresentanti del governo federale e del Territorio abbiano raggiunto un accordo di massima sulla distribuzione di compiti, poteri e competenze. Ora la bozza d’intesa dovrà essere discussa con i leader aborigeni dei Territori del Nord-Ovest, prima di ricevere il via libera nell’assemblea legislativa locale e nel parlamento federale: l’obiettivo dichiarato – ribadito anche ieri dallo stesso primo ministro – è quello di arrivare a un pieno passaggio di poteri entro e non oltre il primo aprile 2014.

“Il nostro governo – ha dichiarato il leader conservatore – è convinto che i cittadini dei Territori del Nord-Ovest debbano avere il potere di prendere da soli le principali scelte di indirizzo economico su come massimizzare lo sfruttamento delle loro risorse. Una volta che sarà finalizzato, questo storico accordo darà ai Territori del Nord-Ovest tutta una serie di poteri e prerogative, insieme a nuove responsabilità, che porteranno alla creazioni di nuovi posti di lavoro, alla crescita economica e alla prosperità in tutto il Territorio”.

Il processo politico legato alla devolution dei Territori del Nord-Ovest è iniziato con il via alla trattativa partita nel gennaio del 2011. In questo momento il governo dei Territori del Nord-Ovest agisce con una serie di poteri e responsabilità che sono molto simili a quelli degli esecutivi provinciali. Ci sono però delle eccezioni molto importanti, che penalizzano il raggio d’azione dei governi dei tre Territori all’interno della confederazione canadese (i Territori del Nord-Ovest, lo Yukon e il Nunavut). In particolare, l’amministrazione riguardo lo sviluppo edilizio, lo sfruttamento delle acque e delle risorse naturali rimane in mano al governo federale. Questo, in pratica, penalizza in modo significativo i tre governi locali, che si vedono un gettito estremamente ridotto rispetto alla Province. È l’esecutivo federale che, ogni anno con uno stanziamento una tantum, garantisce ai Territori le risorse necessarie per il funzionamento della macchina statale e il finanziamento di scuole e ospedali.

Lo scorso anno i Territori del Nord-Ovest hanno ricevuto poco più di un miliardo di dollari da Ottawa. Con la devolution, che diverrà attiva tra poco più di un anno, ci sarà il taglio di questi stanziamenti, ma il governo dei Territori del Nord-Ovest potrà contare sulle risorse ricavate dallo sfruttamento del petrolio, del gas naturale e delle miniere che, secondo le aspettative degli esperti, potrebbero portare al boom economico. Secondo quanto stabilito nella bozza d’accordo annunciata ieri, al governo federale spetteranno le responsabilità amministrative relative alla lotta all’inquinamento dei laghi e delle falde acquifere, lo sfruttamento delle potenziali risorse offshore, la guida dei negoziati nelle dispute territoriali e il controllo dell’impatto ambientale nei progetti di sviluppo industriale e minerario nei Territori del Nord-Ovest. (Corriere Canadese)