Arctic Council´s international breakthrough

The foreign ministers of Russia, Sergey Larvrov, Norway, Espen Barth Eide, USA, John Kerry and Sweden Carl Bildt

The decision to invite six new nations as observers in the Arctic Council lifts the status of this forum to a new level, says Norway´s foreign minister Espen Barth Eide.

When the Arctic Council gathered for an evening dinner in Kiruna on Tuesday there where no time for small talk. The council had one important issue to solve before the official Arctic Council meeting on the 15th: Whether or not to include six new observer nations to the council.

“We were far beyond the main course before the decision to invite China or not was decided on, and nobody was really certain of the outcome when the debates started”, Barth Eide confirms.

But to Barth Eide´s relief they finally agreed on the role of the observer status and which rights are given to these new observers in the council. So in the morning of the 15th all council members signed the Kiruna Declaration in the City Hall of Kiruna.

Better international cooperation
Barth Eide highlights the decision as a breakthrough for the political status of the Arctic Council. And this breakthrough is not only important for the cooperation between the Arctic nations, but also for international cooperation across the world.

“The Kiruna Declaration confirms that the Arctic Council is the primary organisation for Arctic issues. It confirms that the basic principles of the Arctic Council are to lead the way for all decisions concerning the Arctic. It confirms that all nations will focus on preserving the environment of the Arctic and it also confirms that this organisation will have Indigenous Peoples as active participants”.

EU has to wait
However, one issue was not solved during the tough discussions of the evening dinner: The observer status of the European Union. It is agreed that also EU will become an observer in the council, however some details concerning their role must be solved first.

“EU and Canada have to solve some disputes first and seals are a major part of these remaining discussions”, says Barth Eide.

EU had outlined a suggestion for solving the disputes on sales of seal products, but Canada felt the new text was sent on a too short notice to make a decision. Therefore the final decision to include EU as an observer in the council will have to be postponed, but not for long. It can be decided within the next months in the chairmanship. Since Canada has taken over the chair of the Arctic Council it will probably be solved quite fast, according to Barth Eide.

Main goal
The Norwegian foreign minister is satisfied that Norway´s main goal for the Kiruna meeting was decided on. In his opinion the observer debate has taken all focus away from other and more important discussions on Arctic development.

“I look forward to discussing more important issues for the Arctic, like environment and climate. And we see also on this meeting that all member countries agree that this is the most important area to focus on in the years to come”. (Barents Observer)

Six new observers to Arctic Council

Heads of seven of the member delegations in Kiruna

China, India, Italy, Japan, Republic of Korea and Singapore were all welcomed as new observer states by the Arctic Council during the ministerial meeting in Kiruna today.

China, Japan, Republic of Korea and Singapore are the first Asian countries to  gain observer status to the Arctic Council.

The European Union’s application for observer status was received affirmatively but has not yet been approved, as the union must first address several questions about its bid, including concerns on its ban on sea products from Canada, which today took over the chairmanship of the council from Sweden. The EU banned the import of seal products in 2009. It is an issue of key importance to Canada, as seal hunting is an important part of life for many indigenous groups. The EU was granted the right to observe council proceedings until a final decision is made.

The ministerial meeting also adopted an observer manual that will define what rights the observer states have and clarify which decisions that are not included in the observers’ mandate. (Barents Observer)

EU court upholds three-year-old ban on seal product imports

Canada’s embattled sealing industry was dealt another blow Thursday when a European Union court upheld the EU’s three-year-old ban on seal products. The General Court of the European Union issued a statement saying it rejected a challenge from a group that includes the Canadian Fur Institute, the seal processing industry and one of Canada’s largest Inuit groups.

The Luxembourg-based court said the existing ban is valid because it fairly harmonizes the EU market while protecting the economic and social interests of Inuit communities.Even though the Inuit have an exemption that allows them to sell seal products in Europe, the Inuit Tapiriit Kanatami wants the ban struck down because the group believes its markets will dry up if a wider ban remains in place.

Terry Audla, president of the national Inuit organization, issued a statement saying the ruling does little to protect the Inuit. “We Inuit have been telling the EU all along that the ban is not good for us,” Audla said. “But their colonial, holier-than-thou attitude toward us and their self-serving interests have not resulted in a fair or just process for Inuit.”

The Nunavut government issued a statement saying prices for sealskins have collapsed since the EU ban was introduced, despite the Inuit exemption. It’s the second time the group has lost a challenge before the European court. The first judgment is the subject of an appeal and the industry has 60 days to launch a second appeal.

Federal Fisheries Minister Keith Ashfield declined a request for an interview Thursday, but his office issued a statement saying Ottawa will defend the “traditional, sustainable and humane northern harvest.”

“The Conservative government and party are the only party standing up for hunters, as we understand the way of life in remote coastal communities where sealing is a means of survival,” the statement said.

The ban has hurt Canada’s 300-year-old commercial sealing industry, which landed 38,000 harp seals in 2011, less than 10 per cent of the total allowable catch. But the hunt endures. More than 70,000 seals were slaughtered in 2012 and another 76,000 have been killed so far this season after $5 million in industry loans from the Newfoundland and Labrador government. (CTV News)

Il caso “caccia alla foca”

Con l’avvicinarsi della primavera, come ogni anno si avvicina anche il periodo della caccia delle foche in Canada, con inevitabile “scontro” tra gli ambientalisti e liberal-ecologisti, da un lato, e cacciatori e impreditori del settore dall’altro. Questo potrebbe essere un caso da manuale in cui il libero mercato avrebbe difeso l’ambiente…

L’ATTIVITA’ Iniziamo con un “dato”. Il Governo Canadese ha sempre sovvenzionato pesantemente la caccia alle foche. Nel periodo 1995-2001 circa 20 milioni di dollari sotto forma di sussidi sono stati forniti dal governo federale alla caccia commerciale alla foca in Canada.

COME DOVREBBE ESSERE. Un individuo decide di dedicarsi come imprenditore alla caccia alla foca, attività stagionale per ipotesi. E fino a qui, nulla di male (economicamente parlando, intendo). Investirà le risorse per cacciare quei pochi mesi, e con un’analisi/costi benefici deciderà se l’attività ne varrà la pena, considerando che gli introiti a fronte del cospicuo investimento iniziale (mezzi navali, mezzi terrestri, assicurazione sugli stessi, compenso al comandante, stipendi ai cacciatori, assicurazioni sulla vita degli stessi, ecc.) saranno condensati solo in un breve lasso di tempo. Bisognerà tener conto delle insidie della navigazione e dei pericoli del ghiaccio nella pianificazione del business. Lo stesso il lavoratore. Chi ha già un lavoro, dovrebbe valutare la convenienza ad abbandonarlo per un’attività che gli consentirà un salario, seppur elevato, solo per qualche settimana. Dovrà tener conto di un eventuale licenziamento, o della perdita connessa alla temporanea chiusura della propria piccola attività, ecc., oltre a considerare i rischi connessi ad una attività così pericolosa.

COM’E’. L’analisi costi/benefici è stata nella realtà doppiamente falsata. Il governo canadese, infatti, acquistava spesso direttamente dai singoli cacciatori le foche uccise, pagandole un prezzo più alto rispetto a quello che sarebbe nato spontaneamente sul mercato. Inoltre il governo federale ha “drogato la domanda”, acquistando molti più stock di quelli che riusciva a vendere (molto spesso il governo canadese ha dovuto smaltire – incenerire – quant acquistato in eccesso). Di conseguenza, i cacciatori erano spinti ad utilizzare al massimo la quota stabilita, certi di vendere comunque un prodotto la cui domanda era mantenuta artificialmente elevata, rigida e ad un prezzo alto imposto per di più dal compratore (una follia economica!). Il miraggio di facili guadagni in poco tempo ha quindi attirato una forza lavoro esuberante, che ha privilegiato così un settore in espansione artificialmente gonfiata invece di altri. Alcune associazioni ambientaliste hanno sostenuto anche che, dimostrando di aver lavorato qualche settimana come cacciatore di foca, un individuo/lavoratore poteva ottenere per la restante parte dell’anno un sussidio di disoccupazione. In poche parole, lavorare qualche mese ma ottenere 12 mensilità, di cui la maggior parte finanziata dai contribuenti di tutto il resto del Canada. Non ho trovato alcuna fonte attendibile in tal senso fuori dal coro di dette associazioni, per cui la riporto per dovere di cronaca. Non è inverosimile, dato il contesto, ma prendiamola con il beneficio del dubbio.

Dal lato imprenditoriale invece, possiamo sottolineare che il cospicuo investimento iniziale era in buona parte coperto anch’esso dai finanziamenti statali, sotto forma di contributi alle aziende private per “lo sviluppo di nuovi prodotti di foca, per la costruzione e il miglioramento degli impianti di lavorazione, per la promozione governativa della caccia in Europa e la ricerca di nuovi mercati per questi prodotti”. Ufficialmente i finanziamenti federali sono cessati nel 2001, ma Ottawa ha continuato a inviare annualmente denaro per il potenziamento della Guardia Costiera e della flotta di navi rompighiaccio, casualmente proprio nel periodo della caccia. E a livello provinciale i finanziamenti continuano. La provincia del Newfoundland and Labrador l’anno scorso ha stanziato 500.000 dollari solo per la “comunicazione e pubblica difesa dell’industria”.

La mia convinzione è che senza i vari interventi statali sia dal lato “proprietario” che dal lato “salariato”, le aziende praticanti la caccia alla foca sarebbero state falcidiate, a causa degli alti costi e delle condizioni del mercato. L’azzeramento dei contributi avrebbe fatto sì che forse anche i 3/4 delle aziende non sarebbero sopravvissute, e le poche aziende rimaste avrebbero avuto sì un ampiamento della propria quota di mercato (leggasi più foche disponibili da uccidere per singola azienda) necessario alla sopravvivenza dell’attività, ma probabilmente non tale da consentire la perpetrazione della cosiddetta mattanza. Stessa conseguenza per il numero di lavoratori impiegati.

IL MERCATO Sappiamo che è fissata in 400.000 (immutevole da anni ormai) la quota di capi di foche della Groenlandia che si potranno abbattere anche in questo 2013, mentre il Senato canadese ha approvato nell’ottobre scorso il piano con l’autorizzazione all’uccisione di 70.000 foche grigie nel Golfo di San Lorenzo meridionale (a fronte di una popolazione stimata di 104.000 esemplari) nei prossimi quattro anni, cui si aggiunge la quota di 60.000 foche grigie in Nova Scotia.

Questa cifra appare esagerata. Il mercato estero si è ristretto ulteriormente, a causa del bando dei prodotti di foca dell’Unione Europea del 2009 (recentemente la Corte di Giustizia UE ha respinto il ricorso degli inuit per difetto di legittimazione attiva) e di Russia-Kazakistan e Bielorussia del 2011, che si è andato a sommare a quello degli Stati Uniti e del Messico già in vigore da anni (quello di Washington data addirittura 1972). Infatti il Governo canadese per correre ai ripari sta tentando di aumentare la domanda interna di consumo di carne di foca grigia (i finanziamenti federali si sono spostati sul lato alimentare), specie diversa da quella tradizionalmente cacciata per la pelliccia (foca della Groenlandia). Sempre il Governo canadese ha stretto nel 2011 un accordo commerciale con la Cina per facilitare l’esportazione dei prodotti di foca, con l’abbattimento dei dazi su questa merce (e non in generale su tutte le merci: anche qui, nonostante l’apparenza, è un falsare il libero mercato perché si spinge l’imprenditore a “produrre” quel tipo di bene per l’imposizione favorevole e non per la domanda favorevole, ancora una volta).

E’ controverso il motivo per cui il Governo canadese continui a mantenere la quota così elevata: si parla di motivi politici (conservare il favore delle comunità locali), motivi economici (aumentare gli stock di merluzzo, di cui la foca è principale predatrice, visto che la pesca è una delle risorse principali del Canada), motivi culturali. Pacifica è invece la circostanza che questo prodotto, Cina a parte (che comunque non copre neanche lontanamente quanto il Canada esportava in Europa e Federazione Russa), ha praticamente una domanda esterna in caduta libera, e un paese così sottopopolato come il Canada ha grossi limiti fisiologici per quanto riguarda la domanda interna. La mia idea (solo 1/4 delle aziende sarebbe rimasta sul mercato) ha trovato una prima conferma nel dato del 2011. Le avverse condizioni climatiche (il glaciale inverno di quell’anno) sommate al crollo del mercato estero (nonostante la “via cinese”) hanno fatto sì che il numero di foche della Groenlandia uccise quell’anno fosse pari a 38.000, un gap di più del 90% rispetto alla “quota statale” prefissata. Solo le aziende che hanno saputo o potuto allocare meglio le risorse (risorse in gran parte dovute alla “generosità dei contribuenti”, come abbiamo visto) hanno proseguito l’attività nonostante le condizioni estreme.

Il gelido inverno Artico 2011 ha agito come forza riequilibratrice del mercato. Nel 2012, infatti, nonostante i contributi statali concesso a questa industria e i dazi di favore verso il mercato cinese che abbiamo visto, il primo giorno di caccia erano solo cinque i pescherecci alla ricerca di foche (rispetto alle centinaia degli anni precedenti). Un’annata di condizioni climatiche normali e senza aiuti di stato, vedrebbe verosimilmente questa cifra aumentata ma non certo fino ai livelli dell’epoca d’oro della caccia (fino al 2009).

CONCLUSIONI Parliamo di 2.000-6.000 individui (forbice annuale fino al 2011) complessivamente impegnati in questa attività (di cui solo una piccolissima parte sono di origine inuit, praticanti la caccia per la sussistenza) che calerebbero a poche centinaia (è un’attività che vale meno dello 0,5% del PIL della provincia del Newfoundland and Labrador, ad esempio, e meno del 5% del PIL di tutto il Canada), forse anche di meno, di cui forse una parte si potrebbe “riconvertire” in altre attività economiche nella stessa area, ad esempio l’ecoturismo, convertendo i mezzi terrestri e navali (e trattasi di un’attività con uno spettro temporale molto più ampio che qualche settimana) piuttosto che dismetterli. Ma sto andando fuori tema. In ogni caso resterebbero sempre alcuni cacciatori di foca, ma si tratterebbe o di soggetti appunto in grado di allocare al meglio le risorse per questa attività, oppure di soggetti residenti in zone con poche opportunità economiche alternative.

Indubbiamente i bandi dei paesi importatori sono anch’essi “esterni” all’idea di libero mercato. Tuttavia, riguardo quello UE (il vero colpevole della “messa in ginocchio” di questa attività), mi preme chiarire che, in primis, il Regolamento n.1007/2009 non è totale su tutti i prodotti derivanti dalla foca (pone diverse eccezioni e quindi non ne proibisce al 100% le importazioni), e in secondo luogo che è stato in un certo qual modo sorretto dal consenso popolare: dal 2006 al 2007 (epoca pre-bando) le esportazioni dei prodotti di foca in Europa erano diminuite notevolmente, con un fatturato passato da 18 milioni di dollari (nell’annata 2006, ricordata come estremamente favorevole dai cacciatori, il fatturato globale fu 33 milioni di dollari – eppure anche nelle annate favorevoli non si riusciva a vendere tutto il prodotto acquistato – ricordate gli stock di cui sopra?) a 13 milioni, e il trend era in discesa anche nel 2008, con 10 milioni di dollari di fatturato. In molti Parlamenti di Stati Comunitari era già stata sollevata la questione (in Italia ad esempio la mozione 1-00446 del 20/04/2005) a seguito di pressioni dell’opinione pubblica. Con il bando le esportazioni sono calate a 2,17 milioni nel 2010, quindi la normativa UE ha semplicemente accellerato un declino che sul mercato si era già liberamente avviato senza bisogno di leggi ad hoc: bando comunitario e sussidi canadesi in linea ideale si annullano a vicenda, o quasi (ovviamente la normativa UE coinvolgendo più di 20 Stati ha un impatto maggiore rispetto a quella canadese che non può che coinvolgere il solo Canada).

Per chiudere: la caccia alla foca su vasta scala è un’attività che è sopravvissuta così a lungo con questi numeri solo grazie all’intervento statale, diretto e/o indiretto. Il finanziamento di stato alle imprese e la logica assistenziale dava ogni anno nuova linfa all’annuale massacro, linfa che non sarebbe arrivata invece così copiosa dalla logica domanda/offerta. Il libero mercato avrebbe probabilmente già riportato la caccia a livelli fisiologici da anni, senza necessità di interventi legislativi, bandi, ricorsi, sanzioni, battaglie navali tra animalisti e guardia costiera canadese, ecc. Ritengo sia un qualcosa che dovrebbe far riflettere quanti credono che il libero mercato sia sempre nemico dell’ambiente, e che sia di regola lo Stato il soggetto ottimale per la tutela del pianeta.

300px-Sealhunt_550

Il bando europeo sui prodotti di foca sta distruggendo gli inuit

All’inizio di questo mese, alcune associazioni di Inuit, tra cui quella canadese Inuit Tapiriit Kanatami, si sono presentate nel Lussemburgo, alla Corte di Giustizia della Unione Europea, per presentare appello contro il bando sui prodotti derivanti dalla caccia alla foca.

Il Parlamento Europeo ha approvato nel 2009 una legge per bandire le importazioni di prodotti derivanti dalla caccia alla foca, con eccezione per i prodotti derivanti dalla caccia tradizionale inuit. Tuttavia, nonostante ciò, gli aborigeni sostengono che gli effetti del bando hanno devastato il mercato dei prodotti di pelliccia di foca. “Senza gli introiti dei prodotti derivati come pelli e ogni tipo di pellame – ha spiegato David Akeeagok , viceministro dell’Ambiente del territorio canadese del Nunavut – è difficile per gli inuit sopravvivere nell’economia globale. Nel mondo globale si ha bisogno di moneta, di macchinari, di acquistare equipaggiamenti per la caccia”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Leif Fontaine, presidente della Association of Fishers &Hunters della Groenlandia. “Divieti generali – ha detto – e distaccate e distorte visioni ambientali e di tutela degli animali hanno distrutto il mercato delle pelli di foca e adesso minacciano seriamente la nostra identità e l’esistenza di 60 piccoli insediamenti”.

Per Akeeagok, il bando europeo si basa su “argomentazioni morali” intorno alla caccia alla foca più che sulla realtà dele tradizioni inuit nel mondo Artico. “Gli inuit – ha detto il viceministro – sono i primi e principali soggetti interessati alla conservazione delle foche, e quando un soggetto esterno decide un bando in cui si dice che non è morale cacciare un animale basilare per la sopravvivenza inuit, diventa difficile per qualcuno della stessa comunità accettarlo”.

“Gli inuit devono dimostrare – ha spiegato Fontaine – di essere una nazione forte, benché siamo una piccola nazione. Le grandi nazioni devonon rispettare la nostra cultura, tradizioni e modi di vita”. (Eye on Arctic)

Leif Fontaine